sabato 25 febbraio 2012

Budini di finocchio, mandorle e ZAFFERANO

Non fatevi ingannare... anche se li chiamo budini, non sono dolci ma salati.
Le monoporzioni sono un invento divino, ne mangi più di uno e non ti senti in colpa! E poi così bellini, piccini, e poi con la salsina che li accompagna... diciamo che si fanno volere bene. Ops! E questo è il terzo...!




Per il contest colorato di Cinzia e Valentina, questa volta la fa di padrone lo zafferano, niente a che vedere con la curcuma, chiamata "lo zaferano dei poveri" la quale io amo per tutte le sue proprietà, sapore e come no, il colore! Ma lo zafferano come ben dice Cinzia, ne ha e come di effetti salutari! Io lo zafferano lo mettevo anche in testa quando mi facevo l'henne... e devo dire che la mia chioma era uno splendore, certo che mia nonna non l'ha mai saputo che li prendevo i pistili (che lei raccoglieva dalle sue piante di "safrà") se no mi avrebbe cucinato viva... o magari no, era molto pacifica.


E bene, devo dire che con questa ricetta ho imparato due cose. La prima è che adesso sò riconoscere i finocchi maschi da quelli femmine, ed è proprio per questo che ho utillizatto quelli maschi, perchè sono più larghi e cicciotti da quelli femmina. E questo già mi piace parecchio... tieh!


Poi, l'altra cosa è che mi hanno raccontato è di come è nato il risotto alla milanese, come al solito per caso. In piazza del duomo a Milano, gli addetti alle decorazione delle vetrate (allora si usavano inchiostri naturali) adoperando lo zafferano uno di loro inciampa e lo fa cadere di sotto, proprio dove altri stavano facendo "pausa pranzo". andando a finire su una ciottola di riso in bianco. Allora la fame era tanta e di buttare cibo non se ne parla... così una bella girata e a sorpresa dell'operaio il suo risotto li sembrò doratamente buono!
Così me l'ha raccontata Luisa, la signora che nel mercato, molto gentilmente, mi ha anche spiegato come scegliere i finocchi! Grazie!






Ingredienti per 6 budini:
2 finocchi maschi
3 uova (di galline senza gabbia)
100 g. di ricotta 
una manciata di mandorle tostate e tritate (11 più o meno)
sale
olio extra vergine
Zafferano (pistilli) 


per la salsina
100 g. di ricotta
75 ml. di latte
un cucchiaio di parmigiano grattugiato
Zafferano (pistilli) 




Lavare e tagliare a fette i finocchi. Cuocerli stufati in un pentolino, con un filo d'olio un pizzico di sale e coprire con il coperchio. Girare  ogni tanto per non farli attaccare aggiungendo qualche cucchiaio d'acqua. Quando sono cotti passarli nel mixer e farli pure, aggiungere metà delle mandorle tritate, la ricotta, le uova sbattute e controllare di sale.
Preparare gli stampini, anche se i miei sono di silicone li ho unto con un pò d'olio, ho versato qualche pistillo di zafferano sul fondo, un pò di mandorle tritate e poi riempito con il composto.
Cotto a forno caldo per 45" a 180 °C, ma fare sempre la prova dello stecchino e nel caso cuocerli ancora. La prossima volta devo provare a cuocerli a bagno maria... 
Lasciarli raffreddare un pò e capovolgere per estrarli dagli stampi, facendo attenzione perche sono delicati e anche perche nel fondo c'è gran parte della sostanza!


Per la salsa, stemperare i pistilli di zafferanno (un pizzico abbondante) in un paio di cucchiai di acqua calda. In un pentolino scaldare il latte e scioglierci la ricotta e il parmiggiano, deve diventare una salsa densa ma morbida ma senza farla bollire. Aggiungere l'acqua con lo zafferano sciolto, amalgamare. Versare bello caldo nel piatto, di fianco al budino.







Non sarà un budino d'oro, ma il suo sapore e consistenza vale tutto l'oro del mondo!
E adesso vado a presentare questa ricetta a  Essenza in cucina, perche le due ragazze si danno il cambio, una volta e da  Cinzia e un'altra volta da Valentina di My Taste for Food !







9 commenti:

  1. eh già, non potevi mancare al contest di questo colore.. e le tue ricette le trvo davvero spettacolari, Mai!
    Il budino cotto nel bagnomaria ancora non l'ho fatto, bisogna che prima dell'estate proviamo, vero?
    un bacione, a prestissimo!!
    GRAZIE, e tu sai per cosa :)
    PS: non sei mica l'ultima sai?

    RispondiElimina
  2. Bellissima ricetta, a me questo genere di preparazione piacciono da matti, la salsina di accompagnamento poi deve essere ottima, le foto dvvero belle!!

    ciao loredana

    RispondiElimina
  3. presentazione irresistibile e chissà che bontà!!! ;)

    RispondiElimina
  4. Interessante...Devono essere proprio buoni!!!

    RispondiElimina
  5. Ciao ! Ho scoperto oggi il tuo blog !! E' davvero molto carino e pieno di ricette interessanti !!! ;-) Deve essere davvero buono questo budino !!! Bravissima !!!

    RispondiElimina
  6. Bellissime le foto e delizioso il tuo budino!

    RispondiElimina
  7. Sembra molto buono! Mi piace come hai composto le foto.
    In bocca al lupo per il contest ^_^
    Mi unisco ai tuoi fan se ti va fai un giro da me ^_^

    RispondiElimina
  8. Questa mi era sfuggita! è bellissima e invitante, complimenti (doppi).

    RispondiElimina
  9. No, ripigliamoci! Vengo da te per un commento su un paté (anzi su 4!) e cado si questo sformato splendido e per giunta parli della *leggenda* della nascita del risotto allo zafferano... beh! quando la classe non è acqua.... è ORO come questo zafferano!
    Besitos
    Nora

    RispondiElimina