martedì 8 marzo 2011

La Torta rustica di pane... diventa ciambella

-"Porto io il dolce!"

Detto e fatto, quella sera a cena, Gabriele si presentò con una torta. Fatta dalla sua mamma e dentro una teglia nuova!
Varie volte le ho chiesto la ricetta, ma questo trotta mondo è sempre in treno...! 
Fino a che pochi giorni fà mi arriva una sua email 
"- Ciao Maita!!! come state?... ecco la ricetta che ti avevo promesso tempo fa. ciaoooo!!!"
Poi basta, tutto tace, chissà dove sarà... Svizzerà?

Nella email, mi diceva che le dosi e gli ingredienti cambiano a secondo la regione e anche a i gusti personali, sua mamma la fa in quel modo. E allora, ho deciso di riprendere la ricetta in mano e fare a modo mio... questa è la mia versione. La torta rustica di pane diventa ciambella!


















5 panini raffermi
750ml di latte fresco (si può aumentare la quantità, se non basta)
7 cucchiai di zucchero 
5 cucchiai cacao amaro, 
50 g. di cioccolato fondente da grattugiare
25 amaretti (quelli croccanti)
2 dita di brandi 
2 cucchiai uvetta, 
2 uova, 
2 tazzine di caffè tiepido
1 cucchiaio di farina bianca, 
1/2 bustina di lievito.
un pò di essenza di vaniglia

Spezzare il pane, metterlo in un contenitore versandoci poi il latte e attendere almeno due ore, così che il pane si ammorbidisca. 
Poi, utilizzando una forchetta, schiacciare per alcuni minuti il pane ammorbidito.
Aggiungere le uova (albume e tuorlo), l'essenza di vaniglia (poca), lo zucchero, il cacao amaro, gli amaretti, (precedentemente sbriciolati e messi a bagno in un pochino di brandi), la uvetta (messa in precedenza a bagno nell'acqua tiepida), il caffè tiepido, la farina bianca e il lievito.
Utilizzare il mixer o un robot da cucina per amalgamare il tutto per qualche minuto, l'impasto però, deve restare un po' "rustico" e non troppo liquido. 
Per ultimo aggiungere il cioccolato fondente grattugiato grossolanamente.

Cuocere in forno con cottura tradizionale a 170° per 1 ora e 45 minuti, se necessario continuare la cottura per altri 15/20 minuti a 160° e lasciare la torta in forno spento per 10 minuti. 

L'ho servita ai miei amici con una cremina di cioccolato bianco (sciolto a bagno maria) e delle nocciole tritate!
Hanno fatto il bis! Anche Erica, con in pancia Gaia!


















ps: Gabriele, ringrazio a te e a tua mamma. 
Lo so, l'ho stravolta e non è più rustica, adesso è più "chic", ma piace lo stesso!

10 commenti:

  1. cavoli... che colore cioccolatoso... anche se di cioccolato ce n'è poco eheh è davvero invitantissima!
    complimenti davvero ed auguri!! ^_^

    RispondiElimina
  2. davvero una ricetta niente male, una ciambella di cui non avevo mai sentito parlare....quante cose da imparare

    RispondiElimina
  3. Una ricetta davvero interessante...mai fatto un dolce di pane...ma questo ciambellone è davevro sfizioso e credo che mi cimenterò pure io moltopresto! ;-)

    RispondiElimina
  4. ricetta particolare... chissà, l'aspetto è invitantissimo e mi lascio tentare, gnamm ;)
    un bacione

    RispondiElimina
  5. Bellissima e golosa, perfetta per evitare gli sprechi, bacioni!!!!!

    RispondiElimina
  6. Hai un blog meraviglioso! Molto interessante e "gustoso"! Sarà un piacere leggerti!

    RispondiElimina
  7. Wow, mi tenta talmente tanto che la replicherò a breve!
    Complimenti per il blog, mi piace tantissimo!
    Tabita

    RispondiElimina
  8. Ciao cara!!!
    Sei invitata a partecipare al mio primo contest:
    COSA SFORNO OGGI?
    Iscriviti e passa parolaaaaaaaaaaa!!!
    Un bacione!
    Dada ^.^
    http://lericettedellamorevero.blogspot.com/2011/03/cosa-sforno-oggi-primo-contest-delle.html

    RispondiElimina
  9. Tres chic e tres bon ^^ ciao Mai lieta di conoscerti e di aver letto che parteciperai al Contest perBene, ti aspetto con piacere!
    A presto
    Sonia

    RispondiElimina
  10. Ma che brava! Sei riuscita a trasformare un buon dolce rustico in una golosa ciambella sciccosa :-)

    RispondiElimina